Cosa ci fanno assieme uno scrittore burattinaio e un libraio in bici? – LibriSottoCasa – Milano

Letti di notte è la notte bianca del libro e della lettura.

In tutta Italia, dal 2012 le luci di librerie e biblioteche si accendono per una notte intera,

le porte si aprono per far entrare e uscire parole, voci, luci… sogni!

Avagliano editore e LibriSottoCasa presentano

Cosa ci fanno assieme uno scrittore burattinaio e un libraio in bici?

in collaborazione con LibriSottoCasa, libreria itinerante di Luca Ambrogio Santini

nell’ambito di Letti di notte 2017

presentazione-spettacolo itinerante ispirata al libro

La vita segreta dei mammut in Pianura Padana

di Davide Bregola

con Davide Bregola e i suoi burattini

per adulti e bambini

E’ dove non succede mai nulla che la gente sogna di più, in mancanza d’altro, e finisce per costruire le cose che ha sognato”.

Sabato 17 giugno

verso le 20.00 flash mob tra la Darsena e i Navigli

e poi

alle ore 22.30 in via Gola – Milano

durante la Festa dei Vicini

Spacciamo insieme solo buone pratiche di vicinato. Una tavolata in Via Gola organizzata dai residenti, una cena di quartiere aperta a tutti e condivisa con le Social Street di Milano.

Partecipa anche tu, porta del cibo e/o bevande da condividere con vicini e non (dalle 20.00).

MUSICA, LIBRI, POESIE, DIVERTIMENTO E SOCIALITA’ TRA VICINI

***

Un piccolo miracolo il Foglio

Qualità del narratore il cui stile oscilla tra elegia e ironia Corriere della Sera – la Lettura

Leggere Bregola è come tornare a casa e incontrare gli amici di infanzia Il Giornale

Bregola, con la sua memoria rapita, salva l’epica degli accadimenti nei luoghi Gazzetta di Parma

Bregola ci dà la sottile possibilità di comprendere il perché delle cose Gazzetta di Mantova

Una raccolta di episodi letterari in cui i protagonisti, come mammut scampati all’estinzione, calati in un paesaggio tanto surreale quanto vero, compiono azioni ingenue o crudeli, sempre immersi nella loro speciale umanità. Giuseppe Pederiali, che lesse questi racconti quando erano ancora inediti, scrisse: “A leggere Davide Bregola viene spontaneo pensare a Zavattini, a Giovannino Guareschi, a Giuseppe Tonna, e a tutti gli altri scrittori della Bassa che hanno contribuito a disegnare i confini di questo paese, confini visibili soltanto attraverso la narrativa. Un paese antico, raccontato anche dagli antenati, a cominciare da Teofilo Folengo e Giulio Cesare Croce. Ma com’è oggi la Pianura Padana, e più precisamente la Bassa? I divertenti e originali episodi di Davide Bregola la mettono a fuoco con precisione e sana cattiveria: la natura piegata con violenza alle esigenze dell’industria a tutti i costi e della agricoltura meccanizzata e disciplinata al punto che non si trova un rovo o un’ortica; gli uomini che faticano a riconoscersi in una cultura sbrindellata e con radici che succhiano veleni. Nonostante tutto, in un paesaggio da glaciazione tiepida, si aggirano rari e splendidi mammut: uomini, donne, ragazzi, forse, in via di estinzione, ma consapevoli della storia naturale di ieri e del piacere di vivere in questo posto”. Gente della Pianura raccontata attraverso una scrittura che sorprende per la straordinaria visionarietà.

Davide Bregolaè nato a Bondeno (Ferrara) nel 1971. Vive a Mantova. Ha vinto il Premio Tondelli per la narrativa con i racconti raccolti nel libro Viaggi e corrispondenze (1999). Ha pubblicato conversazioni con scrittori e poeti migranti nei libri Da qui verso casa (2002) e Il catalogo delle voci (2005). Ha pubblicato inoltre in un unico volume Racconti felici e La lenta sinfonia del male (2003), Lettera agli amici sulla bellezza (2008) e Tre allegri malfattori (2013). Conduce laboratori di scrittura creativa presso scuole, enti e biblioteche. Ha ideato incontri-spettacolo con dei burattini che realizza lui stesso e con cui gira l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *